3 motivi per cui i dipendenti resistono il cambiamento digitale

    mag 13, 2021 | Posted by Isabella Brusati

    La trasformazione digitale può avvenire in tre aree: trasformare l'esperienza del cliente, trasformare i processi operativi aziendali e trasformare i modelli di business. Sebbene nessuna azienda debba ancora trasformarsi digitalmente in tutte e tre le aree, le migliori aziende del mondo stanno sperimentando varie combinazioni per beneficiare delle opportunità della trasformazione digitale.

    Che si tratti di utilizzare l'intelligenza artificiale per automatizzare i processi o di soluzioni di blockchain per gestire i requisiti KYC (Know Your Customer) ai fini dell'antiriciclaggio (AML), si tratta di abbracciare i progressi della tecnologia o di sentirsi minacciati dalla stessa.

    Se non hai sentito parlare dell'ascesa della quarta rivoluzione industriale, ti suggerisco di informarti! In effetti, è scioccante non essere stato influenzato da questo cambiamento, dato il ritmo folle con il quale l'era digitale sta permeando la vita delle persone. Tuttavia, le organizzazioni non cambiano, le persone lo fanno. Per guidare il cambiamento digitale, i manager di maggior successo devono comprendere i punti di resistenza al cambiamento prima di poterli affrontare con successo.

    Secondo John Wargin e Dirk Dobiey (2010) *, ci sono tre ragioni per cui le persone resistono alle nuove tecnologie e ai nuovi approcci di business:

    1. Le persone resistono al cambiamento perché non hanno le capacità / know-how per utilizzare e beneficiare delle nuove tecnologie.
    2. Nelle aziende tradizionali, le persone spesso non comprendono il "quadro generale" e come la nuova tecnologia puo' migliorare il business ed i processi.
    3. I dirigenti di livello alto e intermedio resistono ai cambiamenti legati alle nuove tecnologie e ai nuovi modelli di business mentre ridefiniscono le strutture organizzative e spostano le basi del potere.

    *John Wargin lavora per Hewlett-Packard come Direttore - strategia, organizzazione e cambiamento.

    Dirk Dobiéy è un consulente di gestione e project manager di Hewlett Packard.

    Screenshot (319)

    Ora che hai compreso le principali ragioni della resistenza, sai come gestirla? La gestione della resistenza riveste un'importanza significativa nell'efficace gestione del cambiamento. Come abbiamo accennato in precedenza, le organizzazioni non cambiano, sono le persone a cambiare. Affinché le aziende possano beneficiare appieno delle trasformazioni digitali, le loro persone devono adottare e utilizzare i cambiamenti tecnologici.

    Scarica un'introduzione al Change Management

    Screenshot (180)

    Per aiutare te e i tuoi dipendenti ad adottare e utilizzare i nuovi cambiamenti digitali e acquisire una conoscenza più approfondita del motivo per cui i dipendenti resistono al cambiamento, CMC Partnership Italia eroga corsi Prosci® Certified Change Management Practitioner di 3 giorni. Il prossimo si svolgerà' dall’8 al 10 giugno 2021.

    Questo corso tratta dei seguenti temi:

    • Definire la gestione del cambiamento
    • Spiegare il valore della gestione del cambiamento
    • Applicare il modello Prosci ADKAR® per facilitare il cambiamento individuale
    • Applicare il processo in 3 fasi Prosci per il cambiamento organizzativo
    • Attivare ruoli che contribuiscono a cambiare il successo
    • Formulare le basi di un piano di gestione del cambiamento per affrontare un progetto specifio

    Inoltre i partecipanti ottengono credenziali, tra cui:

    • La Certificazione Prosci Change Management Practitioner
    • Accesso a strumenti avanzati Prosci per la gestione del cambiamento
    • Crediti HRCI, PMI e CCMP (disponibili in alcuni paesi)

    Scopri di più riguardo al Corso di Certificato Prosci Change Management Practitioner

    Scarica la Brochure

    Iscriviti al prossimo corso chi si svolgerà dal 17 al 19 Maggio 2022. 

    Registrazione Giugno

     

    Referenze:

    John Wargin & Dirk Dobiéy (2001) E-business and change – Managing the change in the digital economy, Journal of Change Management, 2:1, 72-82, DOI: 10.1080/714042483

     

    Topics: change management