3 Approcci alla Gestione della Resistenza

    lug 22, 2020 | Posted by Michael Campbell

    La resistenza al cambiamento è una reazione naturale, è la natura umana. Quando si verifica un cambiamento nella propria organizzazione, l'obiettivo non dovrebbe essere quello di eliminare la resistenza, ma di mitigarla quando accade.

    Prosci® spesso descrive il cambiamento come andare dallo stato attuale, attraverso lo stato di transizione, allo stato futuro (le tre fasi del cambiamento). Pensa allo stato attuale come alla zona di comfort e allo stato futuro come incertezza. È inevitabile che ciò crei resistenza nella tua organizzazione.

    La resistenza non è solo un piccolo ostacolo da superare: può comportare costi elevati come ritardi nei progetti, perdita di dipendenti stimati e inefficienza. Quindi, quali sono i passi che possiamo fare per alleviare questo?

    Prevenzione della resistenza

    Prosci® identifica 3 passaggi o percorsi che puoi applicare indipendentemente da dove ti trovi nel processo del cambiamento. Il primo di questi è la prevenzione della resistenza. Il modo migliore per impedire alla resistenza di far deragliare un cambiamento è applicare un'efficace gestione dei cambiamenti. In poche parole, applicare un'efficace gestione dei cambiamenti significa:

    • Coinvolgere gli sponsor
    • Adattare le comunicazioni a un pubblico specifico
    • Consentire ai manager di essere leader del cambiamento

    Ogni gruppo interessato ha ricevuto una formazione adeguata e una completa integrazione del progetto e del team di cambiamento

    Applicando la gestione del cambiamento all'inizio di ogni progetto / cambiamento e conducendo i piani e le attività di gestione del cambiamento in modo efficiente, sarete in un posto molto più forte per ridurre o addirittura prevenire la resistenza.

    Gestione proattiva della resistenza

    La gestione proattiva della resistenza è l'anticipazione di dove emergerà la resistenza e la costruzione di tale conoscenza nel piano generale di gestione del cambiamento. Come ha affermato brillantemente Prosci, “non c'è motivo di aspettare la resistenza. Anticipare e pianificare di conseguenza ”.

    Sei a conoscenza di aree all'interno della tua organizzazione che hanno subito cambiamenti gestiti in modo scorretto in passato? Prevedi che queste esperienze li renderanno ora scettici sui cambiamenti futuri? Come scenario, forse stai attraversando una modifica del trasferimento.

    Durante la fase di pianificazione del progetto potresti scoprire che gran parte della tua forza lavoro deve ora spostarsi ulteriormente per lavorare. È inevitabile che ciò aumenti una qualche forma di resistenza.

    Una volta stabilite le aree di resistenza previste, sarai in grado di strutturare i tuoi piani di gestione del cambiamento in modo da poter rimuovere tali ostacoli.

    Gestione della resistenza reattiva

    Puoi applicare bene la gestione del cambiamento, puoi gestire in modo proattivo la resistenza, ma puoi comunque scommettere che ci saranno aree di resistenza che dovranno essere affrontate. In questo caso, Prosci ha identificato 3 passaggi chiave.

    • Identificare la causa principale della resistenza (le valutazioni ADKAR® possono essere utilizzate per determinare questo).
    • Una volta identificata la causa principale, entrano in gioco una serie di attività per ascoltare le preoccupazioni e rimuovere eventuali blocchi.
    • Abilitare e responsabilizzare i gestori della resistenza

    Tieni presente che i manager e i supervisori sono nella posizione migliore per agire come manager della resistenza poiché lavorano quotidianamente con il personale interessato e hanno una visione reale di come si sentono riguardo al cambiamento. Tuttavia, i manager spesso hanno difficoltà con questo ruolo. Offriamo anche un seminario per i manager per aiutarli a capire ciò di cui hanno bisogno.

    Conclusione

    La resistenza è naturale Ci sono così tanti fattori personali e organizzativi che contribuiscono a creare quella resistenza, quindi è importante tenerlo presente quando si creano i piani di gestione del cambiamento.

    Passare attraverso le tre fasi del cambiamento (attuale, transizione e stato futuro) provoca disordini e ansia. Ma hai la possibilità di controllare la durata, i costi e la gravità del cambiamento.

    Ottieni gli strumenti e le tecniche per aiutare a mitigare e prevenire la resistenza ai tuoi cambiamenti, partecipando a uno dei nostri programmi di certificazione Prosci Change Management.

    Il prossimo si svolgerà  il 22-24 Settembre. Mettiti in contatto per scoprire come ti terremo al sicuro.

    Topics: best practices, CMC, ADKAR, change management certification, project management, Project ROI, Change Project, eToolkit, Prosci, Getting Started with Change Management, Virtual Learning

    Registrazione per  il Corso Virtuale